Category : classici

35 anni fa, la McLaren ha prodotto la sua monoscocca in fibra di carbonio prima (e non hanno guardato indietro)

Oggi, diamo per scontato che supercars moderni portano un fibra di carbonio monoscocca. Si tratta di una scelta ideale per la sua capacità di combinare leggerezza con rigidità insuperabile. Senza andare oltre, la macchina monoscocca come McLaren P1 pesa meno di 100 kg. Dal 90 suo uso è stato democratizzato nel segmento, e si comincia a guardare più auto "mondani" come la BMW Serie 7 o Alfa Romeo 4C. Può essere non solo sapeva è che sui vostri schermi hanno il nonno di tutti. Lui ha 35 anni.

Aerospaziale per circuiti

Nei primi anni '80, solo poche aziende del settore aerospaziale ha cominciato a giocare con la fibra di carbonio.

L'anno era il 1979. John Barnard Aveva lavorato negli Stati Uniti nella Indy Car Series, la creazione del corpo aerodinamico con effetto suolo. Tornò alla sua nativa Inghilterra e andò a parlare con il suo capo, Ron Dennis così, che ha lavorato per una società chiamata McLaren. Questa squadra aveva progettato di sorprendere il mondo con una nuova vettura nella stagione 1981. John Barnard, attraverso varie noto, quindi interessati al nuovo materiale composito aerospaziale stava iniziando a utilizzare al momento.

Specificamente, la fibra di carbonio. Duro come l'acciaio, e molto più leggero dell'alluminio. Grazie alla sua elevata resistenza, si potrebbe costruire un robusto telaio più piccolo - quasi ogni modo possibile - lasciando più margine di design aerodinamico. Quando disse British Aerospace il suo desiderio di usare le loro autoclavi per costruire un telaio in fibra di carbonio monoscocca per la Formula 1, ha guardato strano. Nessuno aveva mai fatto una richiesta simile, e la società ritenuto un progetto troppo rischioso.

I primi test hanno rivelato rigidità monoscocca 2,5 volte telaio in alluminio comparabile.

E 'stato a Salt Lake City - Utah, Stati Uniti - dove, attraverso un contatto professionale, ha contattato una società denominata Hercules Aerospace. Questa società aveva speso anni a lavorare per l'esercito degli Stati Uniti ed è stata specializzata nella produzione di motori ad alta potenza per le armi militari: propulsori di missili in grado di distruggere interi paesi costruiti. Il loro reparto ricerca e sviluppo e aveva trascorso anni a sperimentare con fibra di carbonio.

Quando Barnard ha detto loro la sua idea, tale era il suo entusiasmo che due giorni dopo la Gran Bretagna stava volando nello Utah con diversi piani e un modello in scala 1: 3 del nuovo MP4 / 1 del bagaglio in stiva. Poco dopo, un grande pacco è arrivato a Woking: il primo telaio monoscocca McLaren MP4 / 1, realizzato interamente in fibra di carbonio. I primi test hanno rivelato un rigidità 2,5 volte telaio in alluminio comparabile, con lo stesso peso. Queste cifre scioccato di possedere Ron Dennis e la McLaren tutti.

Con uno spessore adatto per la monoscocca, il risultato è stato una Formula 1 il 30% più leggero rispetto McLaren F30, e dotato di un telaio ancora più rigido.

L'incidente a 250 chilometri all'ora che ha convinto gli scettici

C'erano ancora scettici. Molti non credevano in fibra di carbonio, che hanno visto come troppo nuova tecnologia. In realtà, essi pensavano che la macchina sarebbe disintegrarsi in una nuvola di polvere prima che il primo incidente, e non sarebbe stato competitivo in gara. La vittoria della MP4 / 1 nel Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone calmò critici che dubitavano le prestazioni della vettura. Ma molti ancora dubitavano la sicurezza della vettura in caso di incidente. Un incidente a 250 chilometri all'ora mise fine alla discussione.

Dal 1981, McLaren non è tornato alla produzione di un veicolo senza monoscocca in fibra di carbonio.

Un pilota della McLaren dimostrato stava testando la macchina a pratiche di Monza. Ha preso una curva e cattivo Ha lasciato l'asfalto a 250 km / h si schianta contro le barriere. La vettura si disintegrò in una palla di fuoco e polvere. Quando la polvere si schiarì e le telecamere erano in grado di vedere il risultato dell'incidente, monoscocca solo la Formula 1 era intatto, che il pilota è venuto sulle proprie gambe. Assolutamente nessuno di nuovo criticato la tecnologia, e pochi anni dopo tutta la Formula 1 aveva chassis simile.

McLaren non è tornato a produrre un veicolo unibody con nessuna fibra di carbonio dal. McLaren F1 è stata la prima vettura stradale prodotta dalla McLaren nel montare una monoscocca in fibra di carbonio nel 1992. Anche la McLaren 540C porta una monoscocca MonoCell II, molto simile agli altri membri della serie di sport.

Fonte: Black Flag
In Diariomotor:

Questi vi mostrerà 30 curiosità che la McLaren F1 è stata la migliore supercar mai creato, prima parteEcco, l'ho detto. La McLaren F1 è a mio parere il migliore ...

Ferrari Mythos Concept, una delle opere classiche di Pininfarina

Pininfarina e Ferrari Sono stati insieme mano nella mano per un lungo periodo di tempo. Nella sua storia di collaborazione molti modelli per la gloria come la Testarossa o la 360 Modena sono. Erano anche idee e prototipi per il futuro come il Ferrari Mythos Concetto creato nel 1989. Se noi prendere la mano con il tuo nome potremmo etichettare "creatura mitologica".

Mythos stato sviluppato sulla base della Ferrari Testarossa e Pininfarina ha preso su di esso per creare un più corpo moderno e aerodinamico che la Ferrari vestiti nei loro modelli del tempo. Non era solo una questione di design, ma è prevista la richiesta l'aerodinamica Mythos migliorata al fine di sviluppare la F50. Le loro forme sono state levigate e sfoggiava lo stile conosciuto due posti barchetta.

La propulsione è stato fornito da un cilindri boxer 4,9 litro 12 Si produce 380 CV. Combinando alto livello di coppia, 480nm a 4500 giri al minuto e il suo peso di soli 1.250 kg raggiunto benefici generosi. raggiunto il 290 km / h e si è conclusa l'accelerazione da 0 a 100 km / h in 6,2 secondi. Sono più discreta rispetto alla Testarossa, ma non per questo meno scioccante per loro.

Questo peso basso si ottiene utilizzando compositi la fibra di carbonio e varie resine per la produzione del corpo. Per migliorare la stabilità alle alte velocità Mythos concetto ha avuto un spoiler variabile. Per superare i 100 Km / h spoiler modificare il suo angolo di inclinazione.

A quanto pare sono state fatte diverse unità prototipo (anche se la pagina Pininfarina indicato solo uno) e molti, non è chiaro quanti, sono finiti nel garage del sultano del Brunei. Sembra che sono state fatte esclusivamente per lui.

Via: Autoblog.nl

Per maggiori informazioni: Pininfarina | Wikipedia

In Diariomotor: La Pininfarina X Concept, un curioso prototipo di 69 in vendita | 2uettottanta, un altro capolavoro di Pininfarina | Oro Ferrari, l'ultimo gioiello di Pininfarina


Una bella all’asta di una Ferrari 166 MM Barchetta Touring 1949

La casa d'aste RM Auctions è di nuovo responsabile della messa in vendita un vero e proprio gioiello della storia automobilistica. Il 20 gennaio si terrà in Arizona all'asta di un'unità di Ferrari 166 MM Touring Barchetta, corsa di un veicolo fabbricato dalla ditta italiana che ha avuto grande successo negli anni '50.

L'unità è la decima del 25 fabbricati dalla Ferrari. La sua storia di successo inizia con una vittoria a Mar del Plata (Argentina) nel 1950. Nel 1951 ha gareggiato nella Mille Miglia guidata da Aprile Palmer, uno dei primi piloti donne. Palmer in seguito divenne proprietario dell'unità, anche nella sua storia più di 60 anni la vettura è passato attraverso diverse mani.

Esso conserva tutti i meccanici originali, e anche gli adesivi utilizzati nelle ultime gare ha gareggiato, anche se ha dovuto logicamente essere sottoposti a piccoli restauri. Il suo motore è un 2.0 V12 da 140 CV, collegato ad un cambio manuale a cinque marce (una vera anticipo per il tempo). Si prevede che il prezzo di vendita di questo esclusivo Ferrari raggiunge la cifra da capogiro 2 milioni (poco più di 1,5 milioni di euro al cambio attuale).

Anche se è il modello più noto ed esclusivo che verranno messe, la manifestazione ospiterà la vendita di alcuni gioielli. Ad esempio, Essi saranno offerti altri 10 Ferrari, compreso un superveloce Ferrari 1966 Ferrari Daytona Spyder o la prima Ferrari F50 fabbricati. Ognuno dovrebbe superare mezzo milione di dollari, anche se questi ultimi sono valutati a circa un milione.

Ci sarà anche spazio per gioielli da altri paesi, come Packard Dodici Sport Phaeton valore di $ 2 milioni Bugatti Type 57 SC Drophead Coupé restaurato, un prototipo del 1964 Dodge Charger HEMI o un paio di Mercedes 300 SL Coupé. Sicuramente è un evento in cui vedremo alcuni dei modelli di punta del secolo scorso.

Via: RM Auctions
In Diariomotor: L'unica moto Ferrari all'asta | Un'asta Daimler DB18 Drophead di Sir Winston Churchill Coupé | Un'asta preziosa Maserati Tipo 61 Birdcage


La storia della fattoria che ha tenuto preziose auto d’epoca all’interno

Le mie mani è venuto un vecchia storia molto interessante che coinvolge il nostro amato auto d'epoca. Non so se è accurato al 100%, ma ciò che conta è la collezione di foto che appaiono con lei, per la gioia e il dolore di molti.

Secondo la storia, un pensionato di New York ha acquistato una fattoria in Portogallo Disabitata indossare quindici anni perché i loro proprietari precedenti erano morti senza figli. L'azienda ha avuto un enorme granaio al momento dell'acquisto è stato chiuso con porte in acciaio saldati, nasconde al suo interno. Una volta che è stato acquistato la proprietà il proprietario ha deciso di aprire la stalla per vedere cosa c'era dentro e qui è arrivata la grande sorpresa.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

L'interno era pieno di auto d'epoca in uno stato totale di abbandono, senza nemmeno una protezione minima per cercare di durare nel tempo. Questa è una delle fotografie più sorprendenti perché si può apprezzare appieno il gran numero di auto lì.

Tra gli altri sono quelli che sembrano essere convertibile Fiat 1200 e Fiat 1500, la Ford Cortina II o la Mercedes 180.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

Questo muro è particolarmente doloroso: un'Opel GT 68, una Lotus Elan FHC o Lotus Super Seven gioielli tre sport qui stanno recuperando la polvere.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

Notizie due coupé sportivi Out: Porsche 356 Austin Healy Sprite e. Sullo sfondo della scena appaiono anche ford Y e una Volvo PV 544.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

Ecco un classico retrogusto italiana a causa della Alfa Romeo Giulietta SS e Giulietta spettacoli.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

Red evidenzia una Lotus Europa con un altro 66 Giuletta, mentre lo sfondo è uno sport francese in un momento simile, chiamato Matra Djet.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

Nella foto sopra una Lancia Flaminia, una coupé con l'aria di lusso che ha iniziato a vendere nel 1957. Per il suo tempo l'Abarth 1300 Scorpione mostrato nell'immagine successiva è stata una delle coupé sportive più appare. L'azienda, nonostante il loro status, mantenendo la sua elevata ottico anteriore.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

Su queste linee all'interno due classici. Uno di loro appartiene a Alfa Romeo e l'altro no, qualcuno sa cosa sono le auto?

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

Lancia Flaminia appare di nuovo, ma questa volta con la società francese: una Peugeot 504 e Peugeot 404 cabriolet cabriolet.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

A sinistra è un non troppo mal conservato Mini potrebbe dare il 60 Nel centro è un malconcio Alfa Romeo 1900 Super Sprint 50. E nascosto nella giusta vede apparentemente Balilla Fiat 508 cabriolet del tutto danneggiata dal passare del tempo.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

Un altro italiano: Fiat Topolino il colore blu, una Peugeot 202 in bianco e la luce rossa decappottabile TR4 Triumph.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

E come tocco finale, due immagini su veicoli più "livello" di tutta l'azienda. ci vari modelli di Mercedes e Chrysler a pochi decenni fa con quello che sembra essere un BMW V8. Se vedete questo produce un malessere generale e apprezzare la due corse classico nel centro dell'immagine è mozzafiato.

auto d'epoca abbandonato in una fattoria

Assumendo che la storia è vera, quali sarebbero i loro proprietari di lasciare queste vetture ad alto valore come questo? E non mi riferisco spolverino, che il tempo è in carica, ma dal fatto che alcuni sono con pezzi rotti. Forse il mondo si fermerà per loro quando li stavano riparando.

Infatti, in una delle immagini anche appare un autobus e diverse altre vetture non identificati viene visualizzata, vedere se qualcuno mi può dire quali modelli sono.

Agustin grazie alla pista.

notaDue anni fa abbiamo preso questa storia anche se meno profondamente e meno immagini. Come molti hanno sottolineato nei commenti non è chiaro la veridicità della storia. In ogni caso questi classici meritano il loro spazio.

Via: intuth

In Diariomotor: auto sportive classiche abbandonato, triste galleria


Che cosa è successo con luci gialle che le auto hanno avuto in Francia?

Molti ricordano, viaggio in famiglia o escursioni I canadesi. In Francia, a pochi anni fa, le auto erano luci gialle che attraversano. Una curiosità storica che finora non aveva indagato. Tuttavia, e nessuna auto con luci gialle sono in Francia, forse uno o qualche vecchia auto d'epoca. Che cosa è successo? Perché la Francia ha perso uno dei suoi segni più nostalgici dell'identità automobilistica? Questa è la curiosa storia delle loro luci gialle.

Se si recò in Francia negli anni '90 o prima, sono sicuro che vi ricordate le luci gialle caratteristiche della sua flotta.

Luci gialle sono stati introdotti in Francia nel 1939. La leggenda dice che questo ha permesso differenziare i veicoli invadendo veicoli Tedesco Francese, che è stato utile durante la riconquista alleata della Francia. Mentre ci può essere qualcosa di vero in questo, la vera ragione è meno "glamour". Glare con queste luci è stato inferiore le luci bianche: rimozione di lunghezze d'onda compresa tra illuminazione blu e viola, era meno abbagliamento.

Un altro argomento a favore è che ha permesso un una migliore visibilità in condizioni climatiche avverse, come pioggia o nebbia. Il suo svantaggio principale era la sua luminosità più basso. Una lampada alogena era gialla che sono fino al 30% inferiore ad una lampadina convenzionale. Perché? Era necessario incorporare una calotta di vetro colorato giallo al bulbo alogeno, riducendo il relativamente leggero. Ricordate, queste luci Essi sono stati utilizzati solo fino al 1993.

Con scarsa regolamentazione, le luci gialle delle automobili francesi in fiamme a meno di luci bianche.

Nei primi anni '90 diverse nuove tecnologie hanno cominciato ad apparire sul mercato, come ad esempio le luci allo xeno o un lampade alogene con una colorazione diversa, offrendo l'una luce gialla francese con toni del blu e più luce. prima di un cambiando paesaggio industriale e la pressione dall'Europa, il governo francese ha dato il suo braccio contorto, nascondendosi dietro una direttiva europea. Questa direttiva europea che richiede tutti i veicoli venduti nell'Unione europea ha avuto lo stesso tipo di illuminazione.

indovinato Affinché la luce anabbagliante - e lunga - giallo, ma la legislazione europea non permettono i fendinebbia sono auto gialla. Non ci dovrebbero essere problemi con le autorità o ITV per portare questa nebbia di colore, e fornire un tocco estetico molto interessante inoltre migliore penetrazione nella nebbia. Quale sarà mai il timbro delle vie e strade francesi, immerso nella luce gialla che interessante. O quei momenti come un bambino, individuando facilmente le automobili francesi.

Luci gialle non sono morti

Come le luci, luci gialle sono ancora contemplate dalla legislazione europea.

e anche se le luci gialle sono morti in Francia, non hanno fatto in concorrenza. Essi continuano ad essere utilizzati a Le Mans e gare di durata, con l'obiettivo di separare le classi di veicoli. Questo tipo di luce fa sì che meno luce vivida e abbagliare molto meno altri concorrenti. Inoltre, essi funzionano meglio con pioggia o nebbia. In concorso sono ancora utilizzati, e le strade stanno per diventare popolare nella scena del tuning. Il problema è che questo tipo di illuminazione non passa l'ITV, e, eventualmente, la polizia ci ferma.

Nei paesi con illuminazione meno restrittive dei loro veicoli, queste luci danno una deliziosa aria retro per preparazioni, soprattutto se si basano su vecchie automobili. Un classico Porsche o BMW esse sono grandi, e la sua applicazione ad un ottica standard è semplice come aderire un film da un giallo ottica convenzionale. Un'altra opzione è quella di acquistare le lampadine colorante giallo, come quelli venduti in Francia prima che l'Unione europea del dichiarati come consentito.

In Diariomotor:

9 suggerimenti essenziali su come utilizzare i fendinebbiaFaceva freddo, e con esso la pioggia, la neve, e beato - ...

Il W12 Wonder: il giorno in cui la Volkswagen ha voluto avere la propria Veyron

La Bugatti Veyron è stata una Bugatti, non un Audi (vedi prototipo Avus Quattro), o Volkswagen, è stato il risultato di circostanze molto specifiche. Nient'altro. Per anni, Ferdinand Piëch era ossessionato lanciare una supercar o meglio una hiperdeportivo. Voleva dimostrare che la Volkswagen potrebbe lanciare una ad alta quota bestia, un caccia-record, uno sport che tutti noi lasciano senza parole, lui era sulla bocca di tutti per la dimostrazione della capacità tecnologica e lo sviluppo di ingegneria tedesca. Nella misura in cui Volkswagen, produttore più associato con le automobili compatte per tutte le tasche, Si potrebbe avere il proprio Veyron.

Ferdinand Piëch era ossessionato con Volkswagen per dimostrare la propria idoneità, tecnologico e industriale, per la produzione di uno degli sport più spettacolari di tutti i tempi. La Bugatti Veyron potrebbe benissimo essere stato chiamato Audi o Volkswagen.

Nel 1997, Ferdinand Piëch avrebbe chiesto Italdesign, Giorgetto Giugiaro e grandi un'usanza molto speciale. Volkswagen bisogno di un corpo adatto per il trapianto di un doppio vee dodici cilindri, e un sistema di azionamento a quattro ruote. Con questa lettera stiamo già vedendo alcune somiglianze con quello che più tardi avrebbe saputo come Bugatti Veyron.

Volkswagen e ha avviato un progetto che sarebbe durato per cinque anni. quella di creare una vettura sportiva ad alta quota, cacciabombardieri record, la base ideale per sviluppare il motore W12, e chissà se a gettare le basi per un futuro modello di produzione.

Per Giugiaro, il corpo di questo prototipo è stato abito corto niente con la prima cosa che si trova nell'armadio. La cosa importante era il suo motore.

Quindi, nel 1997 ha presentato a Tokyo Volkswagen W12 Syncro, un prototipo con un design certamente spettacolare, che ancora teneva alcune reminiscenze con l'ultima Bugatti (l'EB110) prodotto prima della sua acquisizione da parte del Gruppo Volkswagen.

Casual o no, Giorgetto Giugiaro riconoscono più tardi che il corpo era che Volkswagen W12 Syncro quasi un aneddoto. Per Giugiaro, il corpo di questa vettura era quasi come uscire di casa per partecipare a un appuntamento con i primi elementi che si trovano nell'armadio. Che sta dicendo un sacco per un designer Giorgetto del calibro di. La bellezza era dentro, nel suo motore a dodici cilindri. Quindi in Italdesign optando per la progettazione tetto panoramico, esteso verso la parte posteriore, in modo che il motore rimane visibile, naturalmente nella sua posizione posteriore centrale.

Volkswagen era una priorità per testare la loro Syncro trazione a quattro ruote motrici.

Con un motore W12 420 CV, questo prototipo ha segnato i suoi inizi a 0 a 100 km / h in 4 secondi.

Poiché il progetto è ancora in corso per molto tempo, il prossimo passo di Volkswagen e Italdesign era di trasformare questo prototipo Syncro nel Volkswagen W12 Roadster, una sorta di supercar senza tetto.

Mantenere questa bestia, ancora una volta, il motore W12 dell'originale 5.600 cm3, con 420 CV e un'accelerazione da 0 a 100 km / h in soli 4 secondi. La più importante al suo predecessore, la storia al di là della differenza soffitto era che il sistema è stato sostituito con trazione posteriore a quattro ruote motrici.

Volkswagen stava avanzando a un ritmo inarrestabile, verso il lancio di una propria supercar. In ogni caso, l'alta priorità di Volkswagen è rimasto per sviluppare un motore a dodici cilindri in affidabili, decenti doppia vee meglio dello sport, ma soprattutto delle sue vetture più lussuose. Un'ossessione, alimentata da Piëch, per stare in piedi fino alla V12 di competenza.

Anche se non è stato inizialmente costruito per esso, questo prototipo segnerebbe diversi record di lunga distanza, come i viaggi più di 7.000 chilometri in 24 ore.

Nel 2001 sarebbe stato presentato nella società Volkswagen W12 Nardò, una nuova iterazione di questa messa a punto supercar a battere i record. Senza andare oltre, cognome, tuberosa, fatto riferimento alla famosa pista di prova ad alta velocità si trova in Italia.

Volkswagen tornò alla carrozzeria coupé, ma anche Ha continuato a spremere il suo motore W12 di raggiungere 660 CV. Anche se inizialmente non era destinato per il test a lunga distanza, questo prototipo otterrebbe battuto diversi record, i 5.000 chilometri della di 5.000 miglia e 24 ore di laminazione ininterrotta ad una distanza di 7,085.7 km ad una velocità media di 295,24 chilometri all'ora. Ripeto. 7,085.7 km in appena 24 ore. Si parla di una prodezza simile a lasciare Madrid, arrivando a Berlino, torna a Madrid, e ritorno a Berlino in 24 ore.

Nella sua ossessione con i record di rottura, Volkswagen potrebbe anche creare una nuova iterazione del prototipo nel 2002, più avanzato, più vicino ad una resistenza Sport Prototipo. Tra le priorità che la Volkswagen W12 Record, sono stati TUNING un telaio per uno sport ad alta quota, e la sua configurazione meccanica. La W12 è cresciuto a 5.998 cm3, più vicino al motore a dodici cilindri in questi ultimi anni hanno visto diversi modelli del Gruppo Volkswagen. Il suo potere era a 600 CV e ha ottenuto record di durata infinita, tra cui il turismo 7740.576 chilometri in 24 ore ad una velocità media di 322,891 km / h.

Ma a quel punto non c'era bisogno di fare una nuova hiperdeportivo. A quel tempo, il Gruppo Volkswagen ha già annunciato ufficialmente la Bugatti Veyron 16.4. Ferdinand Piëch Bugatti si è trovato in perfetta tenuta di sviluppare un progetto incredibile, tre decenni più tardi ancora facendo scorrere fiumi d'inchiostro.

I prototipi W12 Volkswagen aveva fatto il suo lavoro. Quei motori sarebbe poi diventata la base ideale di grandi berline di rappresentanza, come la Volkswagen Phaeton, o l'Audi A8, e anche il cuore comune di tutta la gamma di modelli Bentley.

E quelle qualità che ancora oggi continuano a lodare citano, e persino giustificare la necessità per i motori W12 probabilmente sono nati lì in supercar in infinite ore di set-up e di scatto continuo ad alta velocità a Nardò.

Fonte: Volkswagen | Italdesign
In Diariomotor:

Quali sono i principali motori di W come tanto del Gruppo Volkswagen?Bugatti, Bentley, Audi e Volkswagen si sono convinti che i motori ...

Un Datsun 280 ZX all’asta Turbo una autentica Caprice

Se "Supercar" era stata una serie giapponese, Michael Knight aveva guidato una Datsun 280 ZX Turbo. Questa vettura sportiva dal gusto inconfondibile 80 era una dinamica coupé a tre porte e 4,54 metri di lunghezza, progettato per essere leggero, accessibile e divertente. Le sue linee pulite un'intera generazione si è innamorato, ed è davvero uno dei predecessori della Nissan 370Z, l'ultimo erede di eredità del Z, una saga di sport che è stato in vendita a partire dagli anni '60, con stelle come il 300 ZX.

La lista di copia all'asta su eBay ha solo 12,245 mila miglia, ed è in uno stato quasi perfetto ha lasciato la fabbrica. E 'diventato una media annuale di 450 miglia ed è sempre rimasta al riparo in un garage riscaldato. Uno sguardo al motore rivela uno dei più puliti L28ET che sono stati in un lungo periodo di tempo. Questo sei cilindri 2,8 litro viene massaggiato per un turbocompressore a geometria fissa, offrendo potenza massima di 180 CV, poi un gran numero.

Ricordiamo che l'auto è del 1983, e l'origine degli Stati Uniti. Allora, gli standard di emissione rigorosi che limitano il potere di sport come la Chevrolet Corvette inferiore a 250 CV, per mettere le cose in prospettiva. La versione manuale del 280 ZX Turbo è stato in grado di accelerare da 0 a 100 km / h in 7,5 secondi, ma la versione che viene venduto è purtroppo versione automatica, con convertitore di coppia lento e solo quattro rapporti.

Tuttavia, il vero fascino di questa vettura è in quasi perfetto stato, Molti sarebbero già vetture che hanno meno di un anno. Manutenzione è stata affidabile, con un cambio d'olio per anno, quindi integrità meccanica è quasi assicurata. I sedili in pelle sono perfettamente pulite, senza un graffio o graffi per età. Il cruscotto, così finito come un hi-fi classico, è al top della forma, anche se nota che è andato completamente fuori moda.


Che ha il suo fascino, perché strumentazione digitale e retroilluminazione verde mi sembrano una gioia. Tutte le attrezzature originali opere, e ha anche opzioni come lavafari o sistema di voice messaging. Con l'auto tutta la documentazione e gli strumenti originali sono allegati. E 'all'asta su eBay, e nel momento in cui scriviamo prende 38 offerte e più di $ 17.000 Prezzo. Se avessi i soldi ed è stato un amante amante fedele di classici giapponesi sarebbe quello di pensare.



Via: Nostalgic Giapponese -> eBay
In Diariomotor: ritrovamento classico, Nissan Skyline GT-R completamente restaurato 1970 | di John Oshima 1977 Nissan Skyline 2000GT-EX | I classici popolari come il giapponese, il video


P50 Peel: la più piccola automobile nel mondo è stata messa all’asta per 160.000 €, il prezzo negli Stati Uniti di una Porsche 911 GT3 RS!

Che cosa significa questo veicolo sconcertante che qualcuno gli ha pagato $ 176.000, il prezzo di una Porsche 911 GT3 RS negli Stati Uniti? Buona domanda. Quello che si vede in queste immagini è un P50 Peel. Secondo il Guinness World Records è la vettura di serie più piccola mai costruita. il Peel P50 è nata negli anni sessanta nel Isola di Man, con l'obiettivo di diventare una soluzione austera, la mobilità efficace, ma soprattutto efficiente. Una macchina crivellata di curiosità che riemergono a pochi anni fa di ricostruire e di mercato con un prezzo di partenza inferiore a € 10.000 al lordo delle imposte. Ma perché qualcuno avrebbe pagato circa 160.000 euro al cambio attuale, questa vettura?

Il P50 Peel è nato su iniziativa di una società per l'Isola di Man che ha deciso di creare un economico straordinariamente austero e "microcar".

Per cominciare, dobbiamo tener conto che questa è una delle vetture più esclusive mai realizzati. 47 unità sono state prodotte e si stima che attualmente non sono trattenute più di 26. Peel P50 dire che questo potrebbe essere il meglio conservato di tutte le unità. Uno dei suoi ultimi proprietari avrebbero esposto in un museo di Microcar della Georgia, e sarebbe importato molto per il loro restauro e conservazione, rifinito in vernice rosso brillante e cromo in perfette condizioni.

Questa unità è stato venduto all'asta tre anni fa per $ 120.000, che il suo proprietario per gli ultimi tre anni, ha chiuso un'operazione apparentemente redditizia, anche ignorando tutti i costi maturati nella loro manutenzione.

Con il suo peso leggero, e un set di ruote in grado di girare quasi completamente attorno al proprio asse, il P50 Peel non ha bisogno o addirittura invertire.

Il P50 Peel goduto di un motore a due tempi e 50 cm3, in grado di sviluppare 4,5 CV, che erano più che sufficiente per spostare i loro magri 50 chilogrammi. Il P40 Peel era così piccolo che la sua lunghezza non ha raggiunto il metro e mezzo. Guinness circa il suo record sarebbe chiarire che oggi non è più conservato, dopo essere stato superato da un aggeggio che più di una macchina, sembra un giocattolo, Wind Up!.

Tra gli aspetti più curiosi di questa vettura che ci piace un manuale di tre relazioni, senza inverso! Il P50 Peel non ha bisogno di una cosa del genere per avere una leadership in grado di trasformare il veicolo con piena, quasi sul proprio asse. Grazie alla sua costruzione leggera, e il suo motore semplice e poco potente, la P50 Peel è stato in grado di ottenere il consumo di circa 2 litri / 100 chilometri. Una figura spettacolare.

Eppure, l'unico modo per capire il prezzo ha raggiunto in questa asta è di riconoscere che oggi, lungi dall'essere un'altra auto d'epoca, è un vero e proprio pezzo da museo.

Fonte: RM Sotheby
Fotografie: Greg Keysar | RM Sotheby
In Diariomotor:

Video: Come funziona il motore W32 più piccolo del mondo, creando incredibili PateloPer coloro che non lo conoscono, José Manuel Hermo Barreiro, meglio conosciuto come ...Qualcuno ha pagato $ 77.000 per questo London Taxi Il prezzo di 2 Mustang V8!Il mondo delle aste lasciamo sempre vere follie come automobili e ASTRONOMICO ...

Audi ripristina una bella e potere esclusivo DKW SCHNELLASTER Kastenwagen

Vale la pena di ripristinare i vecchi furgoni? Basta chiedere al proprietario del primo Transporter Volkswagen venduti nel Regno Unito, all'asta nei sette figure di qualche giorno fa. Anche se non è così iconico - di faccia vista e lasciare che - come il Transporter, il DKW SCHNELLASTER Kastenwagen anche loro hanno un cuore. Con un nome complicato il cui significato è quello di dire "furgone veloce", questo piccolo furgone è stato prodotto dalla tedesca DKW tra il 1955 e il 1962. Una macchina con un aspetto simpatico si dice di essere stato un precursore del minivan moderna nelle sue versioni passeggeri.

costruzione elettrico prima di diventare famoso

Guardando avanti ad un futuro pieno ibrido

DKW - come parte della ex Unione Auto, ora Audi raggruppata - prodotto solo 100 unità della sua piccola furgone elettrico. Prima di auto elettriche sono diventati alla moda, la sua creazione è nato per servire una piccola domanda, ma molto specifico. Progettato con le piccole imprese in mente, il 100 unità Hanno finito per quasi interamente nelle mani delle società di generazione di energia. Dei 100 unità prodotte solo due unità situate, uno dei quali è stato ripristinato in un museo statale Audi Tradition. Un museo è forse il destino di questo furgone, a seguito del relativo giro di pubbliche relazioni.

Audi ripristina una bella e potere esclusivo DKW SCHNELLASTER Kastenwagen

Questo van prodotta a Ingolstadt, era salvato dal isola tedesca di Wangerooge, nel Mare del Nord. Perché è importante? Si tratta di un'isola dove sono proibiti i veicoli a combustione interna, solo elettrica appartengono in questo piccolo paradiso. La DKW furgone apparteneva ad una compagnia elettrica, ed è stato ridipinto nel blu standard. Il restauro è stato profondo e ha colpito ogni componente della macchina. Il corpo è stata lucidata, specialmente suo ossido riparato, e del relativo motore elettrico, ricondizionata. Elettrici 60 anni fa erano molto meno capace rispetto ad oggi, e che è in suo potere.

solo 7 CV Potenza spostato in questo piccolo furgone, un una velocità massima di circa 40-45 km / h, abbastanza per un'isola completamente piatto in cui non c'era bisogno di percorrere lunghe distanze ad alta velocità. Le due batterie al piombo-acido - con tensione di 8 V ed un'intensità di 200 Ah - questo piccolo furgone che offre una gamma di non meno di 80 km. Sfruttando il suo restauro, il furgone è tornato a Wangerooge per un bel servizio fotografico. Naturalmente sarà molto più tranquillo se il furgone montase propellente originale: un rumoroso - fumante, dalla combustione di olio - motore a due tempi, due cilindri, 700 ml e solo 20 cv.

Audi ripristina una bella e potere esclusivo DKW SCHNELLASTER Kastenwagen

Fonte: AutoVolt
In Diariomotor: Auto Union Type C e-tron, giocattoli elettrici Audi


1,2 milioni di chilometri Porsche 930 Turbo con: tale impegno ammirevole come impressionante

William McEachern E 'il proprietario di una società di pulizia della moquette. Anche se ha più di 70 anni, porta ancora tutti i giorni la Porsche 930 Turbo fa acquisito un enorme 21 anni. Per Bill, gli sport Zuffenhausen è sempre stato sia uno strumento, come una macchina di divertimento. E 'l'auto che utilizza ancora oggi a visitare i loro clienti, o per individuare i vostri incontri d'affari. Si tratta di una Porsche che ha trascorso almeno la metà della sua esistenza, nello stato canadese dell'Ontario freddo, e attualmente, la macchina raccoglie un enorme 1,167,099 chilometri.

La Porsche 930 Turbo è uno dei più "pericolosa" nella storia, a causa della sua imprevedibile e impegnativo Porsche dinamica. E 'anche uno dei più ambita Porsche.

Bill e la sua Porsche 930 Turbo sono i protagonisti di una delle storie di videozine 9:11 Magazine, pubblicato dalle apparecchiature di comunicazione Porsche. Ogni mese coprono storie diverse, il cui denominatore comune è la passione per il marchio. Nella sua terza "puntata", si parla di qualità, su Porsche davvero lunga durata e resistente. Essi citano alcuni esempi, come la Porsche 944 nel 1986 fecero il giro del mondo in soli 31 giorni, che abbiamo dedicato un articolo in Diariomotor. Si parla anche di controlli di qualità e Le Mans, sempre strettamente e divertenti, almeno per un appassionato di media.

È un peccato che non approfondire più in ciascuno dei suoi protagonisti, come nel caso di McEachern. Da quello che possiamo dire, Bill potrebbe essere il Turbo pilota Porsche 930 per registrare il chilometraggio. Ricordo il caso di Porsche 356 milioni di miglia Guy Newmark, la cui storia ho anche parlato. La chiave di questa straordinaria longevità meccanica non è un segreto insondabile: parliamo di una manutenzione molto ordinato, guida attenta e un buon meccanico fiducia. E 'il "segreto" della Volvo P1800 Irv Gordon, attualmente tagliando 5 milioni di chilometri negli Stati Uniti.

Tornando al nostro protagonista, la Porsche 930 Turbo era nelle sue prime versioni - come in questo caso, a quanto pare - un boxer 3,0 litro, sei cilindri turbo e, naturalmente, motore raffreddato ad aria. La prima 930 Turbo sviluppato 260 CV, e le auto erano un po 'capricciosa, difficile da guidare al limite dall'enorme ritardo turbocompressore, la mancanza di aiuti di guida e basso peso. Bill bella unità McEachern - che la prese - vanta una cerchioni che sembrano la concorrenza, e il suo interno sembra una intravisto rollcage.

Bill è un uomo anziano, ma suo figlio continuerà l'eredità di suo padre, con obiettivo di raggiungere un milione di miglia. Il resto della sua storia e la bellezza di quattro ruote e svasato passi, la possono vedere nel video che abbiamo lasciato su queste linee.


Perché i classici non muoiono mai: la Volkswagen T2 resuscita e ri-venduto nei Paesi Bassi

Negli ultimi anni è aumentata la tendenza retrò in cui la progettazione e la fabbricazione di nuovi modelli non solo mantenere il nome dei loro antenati storici, ma anche ispirato più o meno decisivo nella progettazione di quello originale. Buoni esempi possono essere la Mini, Fiat 500 e Volkswagen Beetle, ma tutti hanno qualcosa in comune, è che i modelli sono completamente moderna, progettata nel XXI secolo e le esigenze e la tecnologia come motori, attrezzature e pienamente presente e simile a qualsiasi altro modello di sicurezza "moderna". Cioè, essi suscitano sensazioni o sentimenti che ci ricordano dei suoi antenati classici, ma in fondo non è più un veicolo completamente corrente.

Ora, cosa succede se siamo tornati a produzione e commercializzazione di oggi un modello degli anni '60 quasi invariato, al di là del minimo necessario? Sarebbe successo e l'accettazione del mercato? Beh, qualcosa di simile sta per cercare di Volkswagen Paesi Bassi, poiché non vi venderà, decenni più tardi, ancora una volta la Volkswagen Transporter T2, con adattamenti minimi ai tempi moderni. Sicuro che tutti voi ricordate il mitico autobus T2 VW come un'icona dell'era hippie e Flower Power, essendo sinonimo di libertà. Nel 2011, almeno i piloti olandesi avranno l'opportunità di tornare al volante con la commercializzazione di questa versione leggermente aggiornata.

Concetto portato direttamente dagli anni '60, la Volkswagen T2 Camper il marchio si è venduto nei Paesi Bassi è adattato il più possibile i tempi (ovviamente), pur mantenendo la sua essenza e il suo antico sapore. Sarà prodotta in Brasile, e ha un motore e 1,4 litri quattro cilindri, con il potere 80 CV e un manuale a quattro marce (non qui puntare su qualcosa troppa corrente, ma immaginate se raffreddato liquido), permettendo di accelerare da 0 a 100 km / h in 16 secondi ed una velocità massima di 135 km / h.

nella interno appaiono anche rinnovati elementi come la strumentazione o posti a sedere oltre alla dotazione standard su Camper, come un divano letto, un tavolino, un lavello in acciaio inox o angolo cottura con frigo e due stufe a gas. Dai, almeno a camminare chilometri e chilometri senza sapere quale sarà la nostra prossima destinazione (o per sapere). Inoltre, tre sarà finito da offrire in questo VW T2 Camper Trendline, Comfortline e Highline. Quest'ultimo ha anche elementi di "lusso", come rivestimenti in pelle e cerchi in lega. Inoltre, la personalizzazione sarà anche all'ordine del giorno, con la possibilità di scegliere fino a 20 colori diversi.


E, infine, il prezzi. Volkswagen ha fornito durante la commercializzazione per i Paesi Bassi (anzi il modello pubblicizzato tutti fuori nel proprio sito web ufficiale), ma abbiamo sentito che questa vera e propria curiosità raggiungerà altri paesi europei, compreso il nostro. I prezzi vanno tra 32,425 e 55,995 euro euro, non troppo conveniente.

Ho lasciato un più di questioni irrisolte ragionevoli, e se T2 conforme ai requisiti minimi in materia di sicurezza attiva e passiva o delle emissioni (ovviamente, non ci aspettiamo stelle EuroNCAP cinque, ma un livello minimo dovrebbe essere auspicabile) . Ed è che i tempi cambiano ... in molte cose, per il bene e gli altri non così tanto.

Fonte: WorldCarFans
Per maggiori informazioni: Volkswagen Camper NL


Zastava 750, la nuova vita di Seat 600

Se non mostriamo la Tata Winger, i nuovi anni '90 Renault Traffic, ora è la volta del più famoso vettura che ha fatto un passo sulle strade spagnole. Quando ho detto al breve storia della Seat 600, l'auto che ha motorizzato la Spagna, ho commentato che ancora oggi viene prodotta in paesi orientali come la Turchia con il marchio Zastava.

Bene, oggi ho voluto mostrare un po ' video raccolti da Youtube, in cui possiamo vedere il trattamento che danno ai loro proprietari della nuova 600. Se questo significava una rivoluzione in Turchia in Spagna non è più un piccolo, accogliente ed economico macchina, in modo che possiamo vedere come la gente giovane godere con i colleghi e quelli più anziani che si preparano.

Video di Zastava 750:

nella primo video Si può vedere un gruppo di ragazzi che fanno soffrire i nuovi 600 tracce e trompeándolo sull'erba, la verità è che è passato come nani con piccoli Zastava. nella secondo video Sembra una versione curiosa: Zastava 750 convertibile. Beh, piuttosto si tratta di una versione "truss" (il perdono per grazia, è l'ultimo, in realtà), perché i colpi non sono buone come potevano.

il terzo video Non consiglio agli amanti del classico 600 o in generale. Si tratta di un manuale perfetto che possiamo imparare a distruggere un vecchio amico che sicuramente ha portato un sacco di gioia ai loro proprietari. un vecchio Zastava 750 E 'spremuto dal fango in un crudele, molto crudele.

Via: YouTube
In Diariomotor: Patricia Siata, sulla base di 600 posti


Addio al mito? Ferrari perde i diritti per il nome “Testarossa”

Se dovessi pensare a uno dei nomi più rappresentativi utilizzati da Ferrari nella sua storia, molto probabilmente il Ferrari Testarossa Sarebbe un candidato per il numero uno. I 80 sport che hanno segnato un prima e dopo in Ferrari e un'intera generazione, traguardo raggiunto con un design sorprendente, 12-cilindro alto profilo apparenze meccanici film "boxer". Dopo decenni, Ferrari non è tornato a usare il nome Testarossa, che era una scusa sufficiente per un tribunale tedesco di ritirare i diritti di questo nome Maranello.

La Ferrari Testarossa è uno dei più grandi leggende della Ferrari alla fine del XX secolo, con il permesso della Ferrari F40. Ferrari di solito non riutilizzare i nomi dei loro modelli, E 'comune per ogni nuovo prodotto si presenta con un nuovo nome a rompere con il suo predecessore. caso Testarossa non era diversa in questo senso, ma Ferrai, ma non è tornato a usare il nome per qualsiasi prodotto, se ha mantenuto i diritti per il nome per l'uso e il godimento.

Il controverso, e il dessert desiderato, vista posteriore "volare" la Ferrari TestarossaDubito che sei in grado di vedere la vista frontale di una Ferrari Testarossa, senza ...

Ma questa apparente tranquillità venne disputato pochi mesi fa, quando Ferrari è stata presa per i giudici tedeschi da una ditta di giocattoli destinazione d'uso del nome Testarossa. A quanto pare tutto indicava che la Ferrari sarebbe vittorioso in questa materia, tuttavia la sentenza pronunciata presso il tribunale di Düsseldorf ha finalmente stato contrario alla Ferrari, ritirando i diritti del marchio Testarossa prima della scarsa utilità dato il nome negli ultimi anni e favorendo il produttore Autec AG che mira a sfruttare commercialmente il nome Testarossa.

Decostruire miti: Davvero Porsche Ferrari di Formula imitava un pugile 12 cilindri?storia della Ferrari è strettamente legata ai motori V12. Fin dalla sua nascita questo ...

Ferrari ha ora la possibilità di chiedere un appello, movimento che non ha ancora confermato la marca, ma data la sua forte difesa della immagine della società sembra essere la strada da percorrere ora. Ferrari difende i propri diritti per il nome Testarossa ai vari programmi di restauro e eventi organizzati per i clienti possessori di modelli classici, la Ferrari Testarossa di essere uno dei modelli più riconoscibili della storia del marchio.

Fonte: Spiegel
Immagini: RM SOTHEBY'S


compilazione di sintonia russo, l’originalità “low cost”

In tutto messa a punto è particolarmente vero quando le risorse economiche sono limitate. Con Diariomotor spesso spendono preparati succulenti, in alcuni casi costano molto di più di quello che può costare una compatta normale nel nostro paese. in pelle di qualità, in fibra di carbonio e il lusso di solito riservati per le auto meno accessibili.

Tuttavia, nei comuni cittadini che vogliono esprimere la loro personalità o il gusto per lo sport Non ci vuole grande impegno finanziario ma piuttosto la motivazione e l'immaginazione. Questo è proprio quello che è necessario che i "creatori" di queste auto, però, così intitolato Inglés la Russia nella sua compilazione, ci possono essere alcuni follia in loro.

Si dispone di un certo numero di immagini nella galleria, ma vi propongo una selezione dei più "sorprendente", per chiamare in qualche modo con un "grado appropriato".

trasformatore.

Il colore rosa Hummer (Non l'originale).

Cabrio camuffamento.

Il serpente allargata.

La lanugine bianca.

dreadnought.

Mini Big Foot Neve Edition.

sintonizzazione russo "low cost"

Via: englishrussia

In Diariomotor: compilation video dei peggiori tuning car | La messa a punto ad alta quota a Ginevra | premi Diariomotor: migliore sintonizzazione 2009


Carne speculazione: questa Porsche 911 Carrera RSR 1993 dista solo 10 km … ed è in vendita!

Sì, un altro classico Porsche 911 è venuto alla luce per sottoporsi al ponte di un'asta e non parlando di un Porsche 911 "Normale" (se non v'è alcuna chiara Porsche 911 normale), ma nel suo complesso Porsche 911 RSR Inoltre, se non fosse abbastanza, con il fatto che si tratta di una versione così, Ha viaggiato a soli 10 km. Chiunque voglia rilasciare una Porsche 911 RSR 1993? E 'il momento!

Oltre ad essere speciale per essere un RSR ha viaggiato solo 10 km questa unità ha una curiosa combinazione di colori:

Spettacolare. Semplicemente spettacolare. La generazione 911 964, è la più estrema vista ancora più esclusivo della gamma di Porsche del loro tempo, l'equivalente di potenti Porsche 911 GT3 RS ma non solo dal passaggio del tempo e la sua conversione al classico, ma anche perché solo built 51 unità.

Lo spoiler posteriore enorme definisce esteticamente il corpo svasato 911 di questo sport un curiosa combinazione di colori, con comprovata corpo d'argento da questi cerchi in viola, dopo bilico pinze dei freni di colore giallo e una cabina in cui la sua condizione circuito auto selvaggio non si è fermata la sua commissione proprietario originale una finitura rossa che copre praticamente tutto dal volante per stuoie attraverso la sua rollcage, secchi o pomello del cambio. Solo la parte anteriore della plancia e strumentazione rompe questa eccentrica domanda monocromatica.

Il suo esterno vanta uno strato di polvere rivelatrice, ma ci mette in guardia dal letargo che è stato relegato alla Porsche, quasi 25 anni in piedi, che ha percorso solo 10 chilometri ed evidenziare la buona condizione dei suoi interni anche brillante, senza sfregamento.

Questo Porsche ha dietro con boxer meccanico 6 cilindri 3,8 litro, aria e corrente 350 CV, con un paio di 385 Nm, figure merita lui questa tedesco per uccidere lo 0 a 100 km / h al di sotto di 4 secondi.

Una squisita copia il cui valore salirà ben al di sopra di un milione di euro quando va in vendita all'asta il 27 maggio a Villa Erba, a mano RM Sothebys. Per dirla in contesto pochi giorni fa vi abbiamo parlato di una Porsche 911 Turbo S Leichtbau con una stima di 560.000 prezzo e vicino a 680.000 euro, un'unità ancora troppo esclusivo non raggiunge il livello di questa Porsche 911 RSR, non di versione né per il fatto che non era stato utilizzato in tutti questi anni.

Naturalmente, l'acquirente prende un dilemma al garage ... Conduco e perdere valore o di non guidare?


Page 4 of 9123456789